Bottiglie, Degustazioni

Barolo Via Nuova 2018 – E. Pira/Chiara Boschis

Barolo Via Nuova 2018 – E. Pira/Chiara Boschis 

Al contrario del coevo Mosconi, che all’assaggio (leggi qui) risultò interlocutorio, fa grandissima figura e impressiona per definizione ed eleganza. 

Le uve del Barolo Via Nuova, piccolo cru assorbito poi da Terlo e mai diventato mga, vengono assemblate classicamente con quelle dei cru Terlo e Liste del Comune di Barolo; Gabutti e Baudana del Comune di Serralunga d’Alba; Ravera di Monforte e Mosconi del Comune di Monforte d’Alba.

Due anni di invecchiamente in legno grande e piccolo e un anno in bottiglia.

Rose, Anguria e Chinotti in primo piano. Si completa il quadro con ricordi balsamici, di pinolo, spezie e resine/essenze orientali, cannella, cipria. Vino decisamente fragrante.

Le buone sensazioni prodotte dall’approccio trovano ampia conferma nel sorso. Che è fresco e pieno di energia, radioso e profondo, con bella forza di gusto, tannini finissimi e un fantastico finale coerente. Il tutto in modo elegante ed equilibrato.

Da tenere d’occhio 

Standard
Bottiglie, Degustazioni

Barbaresco Montestefano 2015 – Rivella Serafino

Barbaresco Montestefano 2015 – Rivella

Per raccontare questo vino mi avventuro volentieri nella lingua fino a definirlo il miglior 2015 delle Langhe provato fino ad oggi. Un Azzardo apparentemente, ma per chi ce l’ha nel bicchiere nemmeno tanto. È un vino che sfiora la perfezione espressiva/stilistica in assoluta fedeltà alla tipologia.

Barbaresco classicista, autodefinizione del proprio stile espressa a voce da Teobaldo Rivella a chi scrive. Lunghe macerazioni, lunghi affinamenti in botti grandi con le uve dal cru Montestefano. Ma qui a mio avviso c’è stato qualcosa, c’è stata la mano magistrale e lungimirante che decide di fare, o non fare, qualcosa e che ci ha restituito una interpretazione mirabile di vitigno e annata congiuntamente.

Vino luminoso, dall’ampio bouquet  con reminiscenze di rose e melograni, farina di carrube e spezie e più accenati ricordi di genziana ed altre erbe aromatiche, note di anice e balsamiche. Precisione e incisività.

Il sorso è lineare, contraddistinto da una tensione gustativa continua, acidità netta e tannino grintoso senza eccessi, un ritorno di frutto freschissimo che conquista e ammalia, vitalità, struttura, equilibrio, un finale rinfrescante e arioso come pochi.

Vino da Hall of Fame 

Standard
Bottiglie, Degustazioni

Brunello di Montalcino 2015 – Pietroso

Brunello di Montalcino 2015 – Pietroso

Un Brunello d’impianto tradizionale con 36 mesi d’invecchiamento in botte grande dopo 20 giorni di acciaio. Le vigne dell’azienda sono posizionate in quattro diversi punti del territorio di Montalcino e si può affermare che raramente i vini di Pietroso sono risultati deludenti al momento dello stappo e nelle occasioni dedicate alla degustazione.

Questo Brunello 2015 non tradisce le aspettative. Colore bello, intenso rubino, esplosivo al naso e fortemente fruttato con sentori di marasca e mandarino, a tratti si percepiscono sentori di pesca tabacchiera. Meno diffuse note balsamiche, spezie assortite, lavanda, sottobosco.

L’attacco è impattante, voluminoso e caldo. Il bello però viene dopo, quando al punto massimo di questa invasione il vino innesca un’accelerazione vertiginosa guidata da una acidità cospicua e diretta. La forza di gusto è ragguardevole, in coerenza col naso. Tannini energici, di forma regolare. Il finale è aperto, lungo, evocativo. 

Vino muscolare e robusto che riesce a non sconfinare nel troppo, nel troppo denso e nel troppo caldo. Interpretazione dell’annata 2015 Ilcinese decisamente più centrata di altre già assaggiate in passato che sembravano aver smarrito un po’ di forza vitale. 

A mio parere, stando a quanto suggerito da questa specifica bottiglia, l’apertura non è da rimandare di tanto perché è adesso che tutta questa forza di gusto e questa energia bilanciano adeguatamente l’alcool.

Enonauta/Degustazione di Vino #411 - review - Brunello di Montalcino 2015 - Pietroso | Brunello tradizionale decisamente buono
Enonauta/Degustazione di Vino #411 - review - Brunello di Montalcino 2015 - Pietroso | Brunello tradizionale decisamente buono

Brunello di Montalcino 2015 – Pietroso

A traditional Brunello with 36 months of aging in large barrels after 20 days in steel. The company’s vineyards are located in four different points of the Montalcino area and it can be said that Pietroso’s wines have rarely been disappointing at the moment of uncorking and on occasions dedicated to tasting.
This Brunello 2015 does not disappoint expectations. Beautiful color, intense ruby, explosive on the nose and strongly fruity with hints of morello cherry and mandarin, at times there are hints of snuffbox peach. Less widespread are balsamic notes, assorted spices, lavender, undergrowth.
The attack is impactful, voluminous and warm. The beauty, however, comes later, when at the maximum point of this invasion the wine triggers a dizzying acceleration driven by a conspicuous and direct acidity. The strength of taste is remarkable, consistent with the nose. Energetic tannins, regularly shaped. The ending is open, long, evocative.
A muscular and robust wine that manages not to go too far, too dense and too hot. Interpretation of the 2015 Ilcinese vintage that is decidedly more centered than others already tasted in the past which seemed to have lost a bit of vital force.
In my opinion, according to what this specific bottle suggests, the opening should not be postponed for long because it is now that all this strength of taste and this energy adequately balance the alcohol.

Standard
Bottiglie, Degustazioni

Zal Scur 2016 – Ivaldo Orzan – Collio Doc Ribolla Gialla

Zal Scur 2016 – Ivaldo Orzan – Collio Doc Ribolla Gialla

Scoperto al Mercato Fivi Piacenza nell’edizione di fine Lockdown quando Dario Orzan ci illustrò stoicamente la vasta gamma dei vini aziendali nonostante fosse ormai reso àfono dai due giorni di grande parlare.

Zal Scur 2016 ci restò subito impresso e nel panorama dei vini orange, o bianchi macerati se si preferisce, la Ribolla Gialla dell’azienda Orzan afferma la sua esistenza in modo perentorio, e a mio avviso a ragione, perché in una giusta comparazione con vini assimilabili per stile e provenienza geografica non sfigura affatto. Anzi.

Ribolla gialla del Collio che fa un lungo percorso prima di arrivare al bevitore. Macerazione sulle bucce per 20 giorni. Due anni di legno, un anno in acciaio e poi 6 mesi in bottiglia.

Un vino orange è un vino orange, ma ci sono vini Orange più bianchi e vini Orange più rossi. Questo mi è parso più rosso. E poi ci sono vini Orange più precisi e altri meno. Questo di più.

Il Colore è quello dell’ambra lucida. Ricorda ampiamente e intensamente le drupe come l’albicocca e la nespola, il cedro, la polvere di caffè, poi un filo di cardamomo/spezie e sentori di sfalcio secco in un quadro di generale (piacevole e apprezzabile) compostezza.

Se al naso fa buona figura, al palato risulta invece coinvolgente. Ben sapido, rugoso, con tannini pepati che ne dirigono l’andamento. Ricco di gusto e materia il centrobocca e poi un finale coerente frutto/spezie. Vino da abbinamenti fantasiosi o classici senza timore. 

Enonauta/Degustazione di Vino #410 - review - Zal Scur 2016 - Ivaldo Orzan | ottima ribolla macerata da Capriva del Friuli
Enonauta/Degustazione di Vino #410 - review - Zal Scur 2016 - Ivaldo Orzan | ottima ribolla macerata da Capriva del Friuli
Enonauta/Degustazione di Vino #410 - review - Zal Scur 2016 - Ivaldo Orzan | ottima ribolla macerata da Capriva del Friuli
Enonauta/Degustazione di Vino #410 - review - Zal Scur 2016 - Ivaldo Orzan | ottima ribolla macerata da Capriva del Friuli
ottima ribolla macerata da Capriva del Friuli

Zal Scur 2016 – Ivaldo Orzan – Collio Doc Ribolla Gialla

Discovered at the Fivi Piacenza Market in the end-of-Lockdown edition when Dario Orzan stoically showed us the vast range of company wines despite having been rendered speechless by two days of great talk.

Zal Scur 2016 immediately made an impression on us and in the panorama of orange wines, or macerated white wines if you prefer, the Ribolla Gialla from the Orzan company asserts its existence in a peremptory way, and in my opinion rightly so, because in a fair comparison with similar wines in terms of style and geographical origin it doesn’t look out of place at all. On the contrary.

Ribolla giallo del Collio which travels a long way before reaching the drinker. Maceration on the skins for 20 days. Two years in wood, one year in steel and then 6 months in bottle.

An orange wine is an orange wine, but there are whiter Orange wines and redder Orange wines. This one seemed redder to me. And then there are more precise Orange wines and others less so. This more.

The color is that of shiny amber. It is broadly and intensely reminiscent of drupes such as apricot and medlar, cedar, coffee powder, then a thread of cardamom/spices and hints of dry mowing in a framework of general (pleasant and appreciable) composure.

If it makes a good impression on the nose, it is engaging on the palate. Very tasty, wrinkled, with peppery tannins that direct its progress. Rich in flavor and substance in the mid-mouth and then a coherent fruit/spices finish. Wine for imaginative or classic pairings without fear.

Standard
Bottiglie, Degustazioni

Carema 2016 – Cantina Produttori Nebbiolo di Carema

Carema 2016 – Cantina Produttori Nebbiolo di Carema

A Parigi dal 1875 esiste il Bureau international des poids et mesures. 

Al suo interno è conservato, insieme alle altre 6 grandezze fondamentali, la barra di platino-iridio che riproduce il Metro.

Ecco. Questa Espressione cristallina del Nebbiolo della Cantina dei Produttori Nebbiolo di Carema si potrebbe utilizzare come una sorta di metro di misura, una sorta di Nebbiolo archetipico, e si potrebbe depositare l’esperienza percettiva prodotta da questo vino in un immaginario e apposito Boureau mentale ispirato a quello di Parigi. Il Metro del Nebbiolo. 

Questo a prescindere dal fatto che ne potresti preferire un altro.

Nebbiolo con 12 giorni di macerazione e 24 mesi (almeno 12 in legno) di invecchiamento.

Il Colore è granato di luminosità e brillantezza assolute. La finezza delle fragranze fa il pari con la leggiadria del sorso. E la leggiadria del sorso è direttamente proporzionale alla sua intensità gustativa.

Lampone in principio, più melograno con l’arieggiamento. Rose, misurata speziatura, un tocco di scorza d’arancia e di erbe aromatiche.

Vino secco e decisamente fresco, con tannini di grana fina e alcool dosato magistralmente. Ciò che lo rende irresistibile è la qualità e la durata del ritorno del frutto che si potrebbe definire delizioso Questo lo rende un vino dalla bevuta equilibrata e piacevole. Pronto adesso, ma senza ansie si potrebbe conservare in cantina.

Non si finisce mai di rinnovare la propria stima per Cantina di Carema.

Enonauta/Degustazione di Vino #409 - review - Carema 2016 - Cantina Produttori Nebbiolo di Carema | Nebbiolo Paradigmatico

Carema 2016 – Cantina Produttori Nebbiolo di Carema

The Bureau international des poids et mesures has existed in Paris since 1875.

Inside it, together with the other 6 fundamental quantities, the platinum-iridium bar that reproduces the Meter is preserved.

Here you are. This crystalline expression of Nebbiolo from the Nebbiolo Producers Cellar of Carema could be used as a sort of measuring stick, a sort of archetypal Nebbiolo, and the perceptive experience produced by this wine could be deposited in an imaginary and specific mental Boureau inspired by that of Paris. The Nebbiolo Metro.

This is regardless of the fact that you might prefer another.

Nebbiolo with 12 days of maceration and 24 months (at least 12 in wood) of aging.

The color is garnet with absolute brightness and brilliance. The finesse of the fragrances is matched by the gracefulness of the sip. And the gracefulness of the sip is directly proportional to its gustatory intensity.

Raspberry at first, more pomegranate as it aerates. Rose, measured spiciness, a touch of orange peel and aromatic herbs.

Dry and decidedly fresh wine, with fine-grained tannins and masterfully dosed alcohol. What makes it irresistible is the quality and duration of the return of the fruit which could be defined as delicious. This makes it a balanced and pleasant drinking wine. Ready now, but without worries it could be stored in the cellar.

You never stop renewing your esteem for Cantina di Carema.

Standard
Bottiglie, Degustazioni

Primitivo di Manduria 2019 – Luca Attanasio

Primitivo di Manduria 2019 – Luca Attanasio

È un vero piacere sorseggiare questo Primitivo di Luca Attanasio da Sava nell’alto Salento, un piacere che si rinnova e stratifica ad ogni sorso. Ed è prova che si possono fare vini dal tenore alcolico importante, concentrati, ma non meramente opulenti.

Questo nello specifico è un Vino sontuoso, tonico, dalla muscolatura allenata. Per quanto non verticale, come sembra debbano essere tutti i vini al giorno d’oggi, ma ben vivo.

Primitivo coltivato ad Alberello, acciaio e 12 mesi in barrique 

La colorazione è scura, la densità è manifesta. I profumi sono penetranti e ricordano il frutto scuro come il mirtillo, le spezie, il tabacco, le erbe aromatiche. 

Sul palato esercita un bella pressione, sferico, 15.5 gradi alcolici ben supportati dalla sostanza e dal considerevole sviluppo di gusto. A suo modo è fresco, per quanto non sia la sua caratteristica primaria, con acidità distribuita e tannini ben piazzati.

Vino importante, sostanzioso, però mai ingombrante e addirittura molto bevibile seppure nella sua muscolarità. Ovviamente non lo consiglierei mai all’aperitivo, ma lo consiglierei senza dubbio per una bella cena con pietanze di carne elaborate. 

Una delle ultime bottiglie riportate dal Mercato Fivi 2023.

Enonauta/Degustazione di Vino #333 - review - Primitivo di Manduria 2019 - Luca Attanasio | Vino sontuoso, tonico, gustoso
Enonauta/Degustazione di Vino #333 - review - Primitivo di Manduria 2019 - Luca Attanasio | Vino sontuoso, tonico, gustoso
Enonauta/Degustazione di Vino #333 - review - Primitivo di Manduria 2019 - Luca Attanasio | Vino sontuoso, tonico, gustoso

Primitivo di Manduria 2019 – Luca Attanasio

It is a real pleasure to sip this Primitivo by Luca Attanasio from Sava in the upper Salento, a pleasure that is renewed and stratified with every sip. And it is proof that it is possible to make wines with a significant alcohol content, concentrated, but not merely opulent.

This specifically is a sumptuous, tonic wine with trained muscles. Although not vertical, as all wines seem to be nowadays, but very much alive.

Primitivo grown in Alberello, steel and 12 months in barrique

The color is dark, the density is evident. The aromas are penetrating and reminiscent of dark fruit such as blueberry, spices, tobacco, aromatic herbs.

On the palate it exerts a nice, spherical pressure, 15.5 degrees of alcohol well supported by the substance and the considerable development of taste. In its own way it is fresh, although this is not its primary characteristic, with distributed acidity and well-placed tannins.

An important, substantial wine, but never cumbersome and even very drinkable despite its muscularity. Obviously I would never recommend it as an aperitif, but I would undoubtedly recommend it for a nice dinner with elaborate meat dishes.

One of the last bottles brought back from the Fivi 2023 Market.

Standard
Bottiglie, Degustazioni

Côtes du Jura Tradition 2015 – Domaine Rolet

Cotes de Jura Tradition 2015 – Domaine Rolet

Sull’etichetta è specificato che si tratta di un  vino ossidativo e del resto viene dallo Jura che è uno dei luoghi dove la tradizione del vino ossidato non si è mai persa. 

Savagnin e Chardonnay in parti uguali. 4 anni di elevazione in legno per entrambi, il Savagnin sous voile, presumo in botte scolma. In blend per 3 mesi e poi in bottiglia.

Oro antico brillante, acquavite di mele inizialmente poi molte spezie, molti fiori, elicriso soprattutto, capperi freschi aperti, frutto tropicale, orzo, fieno, nocciole, con l’arieggiamento emergono altre note fruttate di drupe. Non mancano le fragranze.

In bocca è una lama su cui è appena passata la Cuticola. Sulle prime ci si concentra su quella perché non si può fare altro. Poi cresce e intorno a questa acidità il vino aumenta di forza gustativa e di profondità e non essendo affatto un vino magro il sorso risulta equilibrato e di giusta definizione. 

L’apertura gli giova da tutti i punti di vista.

Per gli amanti del genere e per chi si diletta in abbinamenti difficili. 

Enonauta/Degustazione di Vino #332 - review - Cotes de Jura Tradition 2015 - Domaine Rolet | Vino ossidativo dallo Jura con buon corpo
Enonauta/Degustazione di Vino #332 - review - Cotes de Jura Tradition 2015 - Domaine Rolet | Vino ossidativo dallo Jura con buon corpo
Enonauta/Degustazione di Vino #332 - review - Cotes de Jura Tradition 2015 - Domaine Rolet | Vino ossidativo dallo Jura con buon corpo

Cotes de Jura Tradition 2015 – Domaine Rolet

On the label it is specified that it is an oxidative wine and after all it comes from the Jura which is one of the places where the tradition of oxidized wine has never been lost.

Savagnin and Chardonnay in equal parts. 4 years of maturation in wood for both, the Savagnin sous voile, I presume in empty barrels. Blended for 3 months and then bottled.

Brilliant ancient gold, apple brandy initially then many spices, many flowers, especially helichrysum, fresh open capers, tropical fruit, barley, hay, hazelnuts, with airing other fruity notes of drupes emerge. There is no shortage of fragrances.

In the mouth is a blade over which the cuticle has just passed. At first we focus on that because there’s nothing else we can do. Then it grows and around this acidity the wine increases in gustatory strength and depth and since it is not a lean wine at all the sip is balanced and with the right definition.

Openness benefits him from all points of view.

For lovers of the genre and for those who enjoy difficult combinations.

Standard
Bottiglie, Degustazioni

Barbaresco CURRÁ 2010 – Sottimano

Barbaresco CURRÁ 2010 – Sottimano

CURRÁ mga in Neive con esposizione sud-ovest. 22 mesi in barrique e un anno in bottiglia. Barrique in parte nuove.

il 2010

Ho avuto l’occasione di assaggiare negli anni un certo numero di Barolo e Barbaresco del millesimo 2010 e certamente si può dire che l’annata fu favorevole. Eppure non ci si finisce mai di stupire per ciò che il tempo ci consegna in queste bottiglie che ogni tanto abbiamo la fortuna di aprire.

Lo stappo e mi vengono in mente una moltitudine di esclamazioni tra cui alcune toscane che non si possono mettere per scritto. Esclamazioni di apprezzamento per questo Barbaresco che mette insieme estrema definizione e profondità.

Il colore è granato, traslucido, colpisce istantaneamente l’anima balsamica di questo vino che mi ricorda l’eucalipto, la carne cruda, il ribes rosso. In secondo piano reminiscenze di radici aromatiche, bitter e ancora più in fondo al bouquet di questo vino si trovano suggestioni che riportano all’ingresso nel bosco, in una drogheria o in un emporio di un tempo che fu.

Vino Freschissimo, l’acidità è la guida di questo vino setoso, che è risolto, equilibrato, con alcool completamente fuso, tannini di grana extrafine e di discreto piglio. Colpisce la capacità di stratificarsi del sorso, la sua qualità e profondità, vino che non smette di metterti la mano sulla spalla con fare complice e dirti “senti?” nel suo sviluppo gustativo. Mentolato, Fruttato, speziato. Finissimo.

Con davanti ancora buone prospettive anche se preferisco averlo aperto adesso.

Se in questi ultimi anni mi avevano impressionato di Sottimano gli assaggi delle ultime annate, alla luce di questo stappo trova conferma anche la propensione alla longevità.

Prese un bel riconoscimento nel 2014 e chi lo diede non si sbagliò.

Enonauta/Degustazione di Vino #331 - review - Barbaresco CURRÁ 2010 - Sottimano | Barbaresco che mette insieme estrema definizione e profondità

Barbaresco CURRÁ 2010 – Sottimano

CURRÁ mga in Neive with south-west exposure. 22 months in barrique and one year in bottle. Partly new barriques.

Over the years I have had the opportunity to taste a certain number of Barolo and Barbaresco from the 2010 vintage and it can certainly be said that the vintage was favourable. Yet we never cease to be amazed by what time gives us in these bottles that we are lucky enough to open every now and then.

I uncork it and a multitude of exclamations come to mind, including some Tuscan ones that cannot be written down. Exclamations of appreciation for this Barbaresco which combines extreme definition and depth.

The color is garnet, translucent, it instantly strikes the balsamic soul of this wine which reminds me of eucalyptus, raw meat, red currants. In the background are reminiscences of aromatic roots, bitters and even further down the bouquet of this wine there are suggestions that take you back to entering the woods, a grocery store or a general store from times gone by.

Very fresh wine, acidity is the guide of this silky wine, which is resolved, balanced, with completely melted alcohol, extrafine grain tannins and discreet tone. The sip’s ability to stratify, its quality and depth is striking, a wine that never stops putting its hand on your shoulder with an accomplice and telling you “can you feel?” in its gustatory development. Mentholated, fruity, spicy. Extremely fine.

With still good prospects ahead even if I prefer to have it open now.

If in recent years I have been impressed by the tastings of the latest vintages of Sottimano, in light of this stature the propensity for longevity is also confirmed.

He received a nice recognition in 2014 and whoever gave it was not wrong.

Enonauta/Degustazione di Vino #331 - review - Barbaresco CURRÁ 2010 - Sottimano | Barbaresco che mette insieme estrema definizione e profondità
Enonauta/Degustazione di Vino #331 - review - Barbaresco CURRÁ 2010 - Sottimano | Barbaresco che mette insieme estrema definizione e profondità
Enonauta/Degustazione di Vino #331 - review - Barbaresco CURRÁ 2010 - Sottimano | Barbaresco che mette insieme estrema definizione e profondità
Standard
Bottiglie, Degustazioni

Riesling Wallufer Oberberg 2021 Auslese Trocken – J. B. Becker

Riesling Becker J.B. – A. T. Wallufer Oberberg 2021

Riesling del Rheingau, breve fermentazione e poi due anni in botte.

Un bel Riesling secco, veramente secco, e potente da una delle cantine simbolo, da uno dei maestri del Riesling Renano.

Colore dorato brillantissimo, fragrante in modo sfacciato con reminiscenze di frutta matura come la pesca bianca e la mela opal, di zenzero e pietra spaccata, erbaceo fine e cedro. Ultimo perché alla fine, dopo ogni annusata, torna sempre il Cedro. Un bouquet francamente aperto e diretto.

Muscolare, denso, caldo, ma anche di buon gusto fruttato/citrino, decisamente lungo e con una acidità che se non è affilata è una acidità “ovunque”, pervasiva. 

Ho seguito con successo il consiglio di Girolamo Tafuro che ringrazio. Spesso ci si trova a dire che un vino è buono, ma che si è perplessi sul prezzo. In questo caso il vino è soltanto buono.

Enonauta/Degustazione di Vino #330 - review - Riesling Wallufer Oberberg 2021 Auslese Trocken - J. B. Becker | Secco e Potente

Riesling J. B. Becker – A. T. Wallufer Oberberg 2021

Enonauta/Degustazione di Vino #330 - review - Riesling Wallufer Oberberg 2021 Auslese Trocken - J. B. Becker | Secco e Potente
Enonauta/Degustazione di Vino #330 - review - Riesling Wallufer Oberberg 2021 Auslese Trocken - J. B. Becker | Secco e Potente

Riesling Becker J.B. – A. T. Wallufer Oberberg 2021

Rheingau Riesling, short fermentation and then two years in barrel.

A nice dry Riesling, really dry, and powerful from one of the iconic wineries, from one of the masters of Rhine Riesling.

Brilliant golden colour, brazenly fragrant with reminiscences of ripe fruit such as white peach and opal apple, of ginger and split stone, fine herbaceous and cedar. Last because in the end, after every sniff, the Cedar always returns. A frankly open and direct bouquet.

Muscular, dense, warm, but also with a good fruity/citrine taste, decidedly long and with an acidity that if not sharp is an “everywhere”, pervasive acidity.

I successfully followed the advice of Girolamo Tafuro who I thank. We often find ourselves saying that a wine is good, but we are perplexed about the price. In this case the wine is just good.

Standard
Bottiglie, Degustazioni

Derthona 2021 – Boveri

Derthona 2021- Luigi Boveri

Colli Tortonesi Doc

Timorasso con 24 mesi di affinamento, 12 sulle fecce, 12 in bottiglia.

Colore giallo scuro lucido, ricordi di agrume, percoca matura, cardamomo e/o altre spezie dolci, acacia, vagamente cera d’api. 

Se il naso è intrigante, il sorso è faticoso. Entrata voluminosa, rotonda, con una carica alcolica che, più che sovrabbondante, io definirei disorganica. Opulento, quasi grasso, glicerico e a tratti lo diresti dolce.  La dinamica gustativa resta limitata a questo iniziale voluminoso exploit, l’acidità resta invischiata e il vino non trova distensione e restando fermo sui suoi argomenti iniziali tende a stancare. Per quanto strutturato, tende al monodomensionale.

Enonauta/Degustazione di Vino #329 - review - Derthona 2021 - Luigi Boveri | Timorasso di Grande sTruttura
Enonauta/Degustazione di Vino #329 - review - Derthona 2021 - Luigi Boveri | Timorasso di Grande sTruttura

Derthona 2021- Luigi Boveri

Colli Tortonesi Doc

Timorasso with 24 months of aging, 12 on the lees, 12 in the bottle.

Shiny dark yellow colour, hints of citrus fruit, ripe percoca, cardamom and/or other sweet spices, acacia, vaguely beeswax.

If the nose is intriguing, the sip is tiring. Voluminous, round entry, with an alcoholic strength that, rather than overabundant, I would define as inorganic. Opulent, almost fatty, glyceric and at times you would say it was sweet. The gustatory dynamics remains limited to this initial voluminous exploit, the acidity remains entangled and the wine does not find relaxation and by remaining firm on its initial arguments it tends to tire. Although structured, it tends towards single-dimensional.

Standard